Il volo dello Sciamano
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
Annunci AdSense
home-1-ads-pct-tda-002

Abbiamo 1192 visitatori e nessun utente online

Annunci - il Centro Tirreno
home-1-ads-pct
Annunci AdSense
article-top

Il volo dello Sciamano

Amore e Psiche
Typography

Tutto ritorna a chi sa ricordare

I sentimenti non sono perduti, mandano echi verso altre dimensioni, perché con i sentimenti siamo infiniti. La corsa di una danza eterna frena se cadiamo nei gironi di sentimenti negativi che come piombo arrestano il nostro volo e ci fanno precipitare in picchiata.

Totem dello Stanley Park di Vancouver, costa ovest del Canada, opera degli Indiani Squamish
Totem dello Stanley Park di Vancouver, costa ovest del Canada, opera degli Indiani Squamish

 

Non esiste volo che non sia circolare, perché ciò che è circolare esprime espansione, e il volo si spinge in tutte le direzioni ad abbracciare la totalità. Nelle culture sciamaniche il volo è di preludio alla danza e dall'incontro dei due momenti, lo Sciamano acquista la consapevolezza del proprio ruolo di medicine man. Curare significa infatti, salire a una coscienza superiore per planare su tutte le cose ed instaurare con esse un dialogo.

Le energie sottili espresse dagli antenati rompono i legami spazio temporali e manifestano le loro influenze sottoforma di vibrazioni. Si vibra in presenza di una danza e attraverso la danza sviluppiamo la nostra capacità di entrare in contatto di altri mondi. Quanto più la danza assume le sembianze di un volo, tanto più sarà liberatoria, altrimenti, come nel caso dei Sabbath satanici, ci tirerà verso il basso.

Ma è anche vero che chi ha raggiunto un livello elevato di padronanza del proprio volo, è in grado di scendere negli inferi per sciogliere i legami negativi e guarire. Non esiste divinità ancestrale che nella sua controparte non abbia vissuto la discesa degli abissi. Il cielo è nella risalita. La terra è la via di mezzo che calpestiamo e non consideriamo. Lo Sciamano la rappresenta con il tamburo che ne riproduce i suoni. È la lama sottile, la particella infinitesimale di megauniversi non intellegibili e legati tra loro.

La donna per il suo essere è in rapporto alla terra in virtù del suo carattere dinamico ed evolutivo, ed è quindi più portata al volo. C'è in ciò la consapevolezza che il cielo sia una conquista, un traguardo che apre ad altri innumerevoli cieli che non sempre ci sovrastano. Infatti, anche l'inferno ha il suo cielo.

Ippolita Sicoli

Dott.ssa Ippolita Sicoli

(Specializzata in Antropologia, Eziologia, Mitologia e Discipline Esoteriche)

LA FINESTRA SULLO SPIRITO

https://www.facebook.com/ippolita.sicoli

 

Libri scritti da Ippolita Sicoli:
Il canto di Yvion Storie di pecore e maghi Nel ventre della luce Il solco nella pietra

Annunci AdSense
sidebar-ads-pct-tda-003
Annunci AdSense
sidebar-ads-pct-tda-003
Annunci AdSense
sidebar-ads-pct-tda-003

FB Telecomunicazioni - il Centro Tirreno

Feed non trovato
Annunci AdSense
sidebar-ads-pct-tda-003

La finestra sullo Spirito - il Centro Tirreno

Feed non trovato
Annunci AdSense
sidebar-ads-pct-tda-003
Annunci AdSense
sidebar-ads-pct-tda-003