Papa Francesco, non viviamo gli uni senza gli altri
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
Annunci AdSense
home-1-ads-pct-tda-002

Abbiamo 657 visitatori e nessun utente online

Annunci - il Centro Tirreno
home-1-ads-pct
Annunci AdSense
article-top

Papa Francesco, non viviamo gli uni senza gli altri

Urbi et Orbi
Typography

"Siamo chiamati a vivere non gli uni senza gli altri, sopra o contro gli altri, ma gli uni con gli altri, per gli altri, e negli altri".

Questo, spiega il Papa, è il senso del mistero della Trinità. Papa Francesco ha ricordato che oggi è la festa della Santissima Trinità, "il mistero - ha spiegato - dell'unico Dio in tre Persone: il Padre, il Figlio e lo Spirito Santo. La Trinità è comunione di Persone divine le quali sono una con l'altra, una per l'altra, una nell'altra: questa comunione è la vita di Dio, il mistero d'amore del Dio Vivente". "Siamo chiamati a vivere - ha detto papa Bergoglio in un passaggio successivo - non gli uni senza gli altri, sopra o contro gli altri, ma gli uni con gli altri, per gli altri, e negli altri.

Questo significa accogliere e testimoniare concordi la bellezza del Vangelo; vivere l'amore reciproco e verso tutti, condividendo gioie e sofferenze, imparando a chiedere e concedere il perdono, valorizzando i diversi carismi sotto la guida dei Pastori. In una parola, ci è affidato il compito di edificare comunità ecclesiali che siano sempre più famiglia, capaci di riflettere lo splendore della Trinità e di evangelizzare non solo con le parole, ma con la forza dell'amore di Dio che abita in noi". Il Papa ha esortato a pregare per la Chiesa, perché sia "mistero di comunione" e "chiesa ospedale, comunità ospitale, dove ogni persona, specialmente povera ed emarginata, possa trovare accoglienza e sentirsi figlia da Dio, voluta e amata".

Lo ha detto all'Angelus, dopo aver invitato i presenti a fare a voce alta il segno della croce, sintesi del fatto che la vita cristiana è nel nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo. I fedeli si sono segnati, e hanno anche applaudito il Papa. "Cerchiamo pertanto - esorta il Papa - di tenere sempre alto il 'tono' della nostra vita, ricordandoci per quale fine, per quale gloria noi esistiamo, lavoriamo, lottiamo, soffriamo; e a quale immenso premio siamo chiamati. La Trinità, come accennavo, - ha commentato papa Francesco - è anche il fine ultimo verso cui è orientato il nostro pellegrinaggio terreno.

Il cammino della vita cristiana è infatti un cammino essenzialmente 'trinitario': lo Spirito Santo ci guida alla piena conoscenza degli insegnamenti di Cristo, e anche ci ricorda quello che Gesù ci ha insegnato. E Gesù, a sua volta, è venuto nel mondo per farci conoscere il Padre, per guidarci a Lui, per riconciliarci con Lui. Tutto, nella vita cristiana, ruota attorno al mistero trinitario e viene compiuto in ordine a questo infinito mistero". Da qui la esortazione a "tenere 'alto' il tono della nostra vita".

Annunci AdSense
sidebar-ads-pct-tda-003
Annunci AdSense
sidebar-ads-pct-tda-003
Annunci AdSense
sidebar-ads-pct-tda-003
Annunci AdSense
sidebar-ads-pct-tda-003
Annunci AdSense
sidebar-ads-pct-tda-003
Annunci AdSense
sidebar-ads-pct-tda-003