Papa a Cuba, terzo pontefice in visita. Telefonata Obama-Castro
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
Annunci AdSense
home-1-ads-pct-tda-002

Abbiamo 834 visitatori e nessun utente online

Annunci - il Centro Tirreno
home-1-ads-pct
Annunci AdSense
article-top

Papa a Cuba, terzo pontefice in visita. Telefonata Obama-Castro

Urbi et Orbi
Typography

Papa Francesco vola a Cuba. Il motto scelto per la visita è 'Misionero de la Misericordia', in riferimento al Giubileo della Misericordia indetto da Bergoglio dal prossimo 8 dicembre.

L'arrivo dell'aereo papale a l'Avana è previsto intorno alle 16 locali (dopo le 22 in Italia). Ad accogliere Bergoglio ci sarà il leader cubano Raul Castro. Dopo Cuba, il Pontefice sarà, dal 22 al 28 settembre (giorno di rientro a Roma), negli Usa. Francesco nel corso del viaggio internazionale farà 24 interventi. Particolarmente atteso quello al Congresso Usa come pure la visita alla sede Onu di New York. Questo è il decimo viaggio apostolico per Papa Bergoglio, terzo Pontefice che visita l'isola caraibica. Prima di lui, a Cuba, sono andati Giovanni Paolo II (nel gennaio 1998) e Benedetto XVI (nel marzo 2012).

TELEFONATA OBAMA-CASTRO - A poche ore dall'arrivo di Papa Francesco a Cuba, Barack Obama e Raul Castro hanno parlato ancora una volta al telefono per ribadire il ruolo cruciale che il Pontefice ha avuto nel processo di disgelo tra Washington e l'Avana. "I due presidente hanno elogiato il ruolo che ha giocato Papa Francesco nel promuovere le relazioni tra i nostri due Paesi", ha reso noto la Casa Bianca che si prepara, a sua volta, ad accogliere il Papa la prossima settimana a Washington.

Anche il ministero degli Esteri cubano ha reso noto come Obama e Castro ritengano importante il "contributo" dato dal Pontefice "all'avvio di una nuova tappa nelle nostre relazioni", culminata con la ripresa delle relazioni diplomatiche lo scorso 20 luglio dopo la rottura durata oltre 50 anni. Nel colloquio telefonico i due leader, che sono alla loro terza telefonata diretta dopo l'annuncio della svolta storica lo scorso dicembre, hanno discusso anche dei passi fatti nel processo di riavvicinamento dopo l'incontro dello scorso aprile a margine del Vertice delle Americhe a Panama.

Annunci AdSense
sidebar-ads-pct-tda-003
Annunci AdSense
sidebar-ads-pct-tda-003
Annunci AdSense
sidebar-ads-pct-tda-003
Annunci AdSense
sidebar-ads-pct-tda-003
Annunci AdSense
sidebar-ads-pct-tda-003
Annunci AdSense
sidebar-ads-pct-tda-003