Bari, assalto a mano armata a supermercato: tra gli arrestati un minorenne
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.

Abbiamo 219 visitatori e nessun utente online

Annunci - il Centro Tirreno
home-1-ads-pct

Bari, assalto a mano armata a supermercato: tra gli arrestati un minorenne

Italia
Typography

Pistola in mano, hanno assaltato in quattro un supermercato, ma sono stati rintracciati e bloccati dai carabinieri.

È accaduto l'altra mattina a Triggiano, dove i militari del Nucleo Radiomobile del Reparto Operativo di Bari hanno arrestato quattro giovanissimi, tre del quartiere San Paolo, di Bari, rispettivamente di 20, 18 e 17 anni e uno del quartiere Carrassi, di 19 anni, tutti accusati di rapina aggravata in concorso. Con il volto camuffato da passamontagna e occhiali da sole, hanno fatto irruzione, armati di pistola, all'interno di un supermercato di via San Giorgio, dove alcune clienti, intente a pagare il conto, sono rimaste impietrite alla vista della pistola e non hanno avuto nemmeno il coraggio di voltarsi a guardare la scena.

Sotto gli occhi terrorizzati delle commesse rimaste immobili, hanno arraffato tutto il contante in cassa, oltre 3mila euro e sono poi fuggiti su una Peugeot 206 bianca, in direzione del capoluogo. Il dispositivo antirapina del Comando Provinciale è subito scattato dopo la chiamata al 112 e due gazzelle del Nucleo Radiomobile di Bari sono piombate all'improvviso sull'auto dei malviventi, bloccati in via Camillo Rosalba, davanti agli occhi increduli dei passanti.

I rapinatori sono scesi dall'auto e sono stati perquisiti. I soldi sono stati trovati e restituiti al proprietario del supermercato. Trovata anche la pistola, una fedele riproduzione, senza tappo rosso, di un'arma da fuoco. Per i tre arrestati si sono aperte le porte del carcere; per il minorenne quelle di un centro di prima accoglienza.