Si perde a San Siro, torna a casa dopo 11 anni
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.

Abbiamo 340 visitatori e nessun utente online

Annunci - il Centro Tirreno
home-1-ads-pct

Italia
Typography

Si perde nei bagni di San Siro, torna a casa dopo 11 anni. E' la storia commovente di un 71enne svizzero di nome Rolf Bantle.

A Milano per seguire la sua squadra del cuore, l'allora 60enne era andato in trasferta San Siro per assistere alla partita di Champions League Inter-Basilea. Era il 24 agosto 2004, e si giocava la gara di ritorno del terzo turno di qualificazioni. All'85esimo minuto, racconta lo 'Schweiz am Sonntag', quando l'Inter dominava la partita per 4-1, Rolf è andato in bagno. Tuttavia, uscendo, non ha più trovato il settore degli ospiti. Una volta nel parcheggio si è trovato spaesato, non riusciva a riconoscere la macchina. Non aveva un cellulare, non conosceva il numero di casa a memoria e aveva soltanto 20 euro con sé. Gli sarebbero bastati per un paio di giorni. I giorni sono diventati settimane e poi mesi. L'uomo ha vissuto per strada per quasi 11 anni, con il sostegno degli studenti universitari del quartiere Baggio.

"Tutto il distretto - racconta Rolf - ha iniziato a chiamarmi Rudi. Ben presto non ho avuto più motivo di andare a casa". L'uomo non ha una famiglia in Svizzera, ha sempre vissuto in povertà e l'alcolismo lo portava spesso ad essere ricoverato nelle cliniche. In Italia ha trovato la libertà. Gli studenti gli portavano ogni giorno qualcosa: panettoni, sacchi a pelo o bottiglie di vino. Delle ragazze gli lavavano i vestiti e una volta a settimana si faceva una doccia calda in un bagno pubblico. Ad aprile si è rotto un femore inciampando su un marciapiede ed è stato portato in ospedale. Il Consolato svizzero ha pagato i costi delle cure, non coperte dall'assicurazione. Prima è stato trasferito all’Unispital di Basilea, poi in una casa per anziani. Dal 1° giugno 2015 vive in una camera al terzo piano. "Non mi manca la vita a Milano, - ha detto Rolf, - 10 anni sono stati abbastanza. E' stata una lunga partita, quella che sono andato a vedere lì".