800 fucili a pompa sequestrati a Trieste, erano diretti in Belgio
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.

Abbiamo 1465 visitatori e nessun utente online

Annunci - il Centro Tirreno
home-1-ads-pct

800 fucili a pompa sequestrati a Trieste, erano diretti in Belgio

Italia
Typography

Ottocento fucili a pompa diretti dalla Turchia al Belgio sono stati sequestrati dalla Guardia di Finanza e dall’Agenzia delle Dogane di Trieste.

Il carico è stato scoperto in un tir olandese, guidato da un turco, sbarcato al porto di Trieste il 23 novembre, proveniente dalla Turchia e destinato in Germania, Olanda e Belgio. In particolare, durante i controlli, gli investigatori hanno rinvenuto centinaia di scatole di cartone, ciascuna delle quali contenente un fucile a pompa, per un totale di 781 armi da fuoco modello 'Winchester Sxp', tutte dirette in Belgio.

A quel punto, il veicolo è stato sottoposto ad analisi scanner, al fine di escludere ulteriori armi nascoste sul carico. Complessivamente, al termine degli accertamenti, sono stati sequestrati 715 fucili a pompa modello 'Winchester Sxp' da 12-51 cm, 66 fucili a pompa modello 'Winchester Sxp' da 12-47 cm, 15 calci per fucile, tutti messi a disposizione della locale Autorità giudiziaria.

Denunciato il rappresentante legale dell’azienda turca produttrice dei fucili. Visti i recenti episodi di terrorismo, le Fiamme Gialle hanno alzato il livello di guardia nei controlli alla frontiera, nei porti ed aeroporti.