Imprenditori Maiorana scomparsi, svolta
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.

Abbiamo 200 visitatori e nessun utente online

Annunci - il Centro Tirreno
home-1-ads-pct

Imprenditori Maiorana scomparsi, svolta

Italia
Typography

Potrebbe essere ad una svolta l'indagine sulla scomparsa degli imprenditori Antonio e Stefano Maiorana, padre e figlio, spariti nel nulla, a Palermo, il 3 agosto del 2007.

 

Gli investigatori, coordinati dai pm Roberto Tartaglia e Francesco Del Bene, hanno ritrovato, nel corso di alcuni scavi, una scarpa e un sacco con macchie rosse, ora sottoposti all'esame del Ris.La scarpa, estremamente deteriorata, e il sacco erano ricoperti da uno spesso strato di materiale solitamente utilizzato nell'edilizia. Materiale non di risulta, ma utilizzabile. I reperti verranno sottoposti ad indagini biologiche e si cercherà di capire se presentino tracce di acido o di combustione.

 

La novità segue alla riapertura dell'indagine disposta dalla Procura sulla base di alcune dichiarazioni raccolte. Antonio e Stefano Maiorana scomparvero dopo essersi allontanati dal cantiere di Isola delle Femmine, nel Palermitano, dove stavano costruendo alcune abitazioni. Salutarono gli operai e lasciarono negli uffici gli effetti personali, facendo pensare ad un ritorno a breve. La loro auto, una Smart, venne poi ritrovata nel parcheggio dell'aeroporto di Palermo, ma dai controlli risultò che i due non avevano preso alcun volo. Né le videocamere dello scalo furono utili agli investigatori.