Firenze: Banca Etruria, perquisizioni Gdf in corso
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.

Abbiamo 170 visitatori e nessun utente online

Annunci - il Centro Tirreno
home-1-ads-pct

Firenze: Banca Etruria, perquisizioni Gdf in corso

Italia
Typography

La guardia di finanza sta eseguendo perquisizioni finalizzate alla ricerca e al sequestro della documentazione riguardante il collocamento sul mercato finanziario delle obbligazioni subordinate, emesse dalla Banca Etruria ora in liquidazione coatta amministrativa.

 

Lo rende noto la procura di Arezzo precisando che dalle indagini è emersa la presenza di una "cabina di regia" a livello manageriale, che ha prescritto il collocamento delle subordinate individuando anche soggetti con un profilo di investitore a "rischio basso", mentre l'investimento è proposto di norma ai clienti 'professionali', in grado di valutare il rischio. Dalla 'cabina di regia', individuata anche grazie ad oltre 400 denunce sarebbe partita la direttiva di collocamento delle subordinate attraverso i responsabili d'area e degli uffici territoriali. In alcuni casi il cliente sarebbe stato spinto a disinvestire da forme di capitale garantito per favorire l'acquisto delle obbligazioni subordinate.