Bologna: esplosione ristorante, riaperte le vie
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.

Abbiamo 406 visitatori e nessun utente online

Annunci - il Centro Tirreno
home-1-ads-pct

Bologna: esplosione ristorante, riaperte le vie

Italia
Typography

Liberate dai detriti e riaperte le strade nei pressi del ristorante giapponese che ieri alle 18,30 è stato distrutto da un'esplosione, pare dovuta a fuga di gas.

 

Il locale in pieno centro a Bologna, tra via Fossalta e via Altabella, è chiuso con pannelli di legno e transennato. La causa dell'esplosione - 8 feriti, una in modo grave ma non in pericolo di vita - è da chiarire; il titolare cinese, come riportano i quotidiani locali, ha riferito alla polizia di aver fatto i controlli: "Avevo rifatto l'impianto del gas prima dell'apertura", ha detto l'uomo, uno dei pochi del locale a parlare italiano. Il palazzo è stato chiuso per precauzione, come parte di quello vicino dove ci sono quattro appartamenti, tra cui uno studio legale, i cui inquilini lamentano di non poter più entrare. L'avv. Massimiliano Bacilileri, il cui studio è stato chiuso, lamenta "che i lavori di restauro del locale erano stati fatti da una ditta cinese, senza precauzioni. Qualcuno doveva vigilare, non c'erano cartelli esposti".