Boscotrecase (Napoli): si nascondeva in nicchia in camera figli
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.

Abbiamo 138 visitatori e nessun utente online

Annunci - il Centro Tirreno
home-1-ads-pct

Boscotrecase (Napoli): si nascondeva in nicchia in camera figli

Italia
Typography

Si nascondeva in una nicchia ricavata nella stanza dei bambini, in una casa arredata come l'abitazione del boss Savastano nella prima edizione della fiction Gomorra. 

 

Luigi Di Napoli, ricercato da oltre un anno, è stato trovato lì dai carabinieri del nucleo investigativo di Torre Annunziata, che sono riusciti a sorprenderlo nonostante l'abitazione fosse controllata da quattro microtelecamere poste all'esterno, le cui immagini erano visibili su due maxi schermo posti in cucina e camera da letto. Il nascondiglio di Di Napoli, considerato affiliato al clan Gallo-Limelli-Vangone (operante nella zona di Boscotrecase e nei comuni limitrofi) era stato ricavato nella cameretta dei figli (di 16 e 9 anni), nascosto da un pannello a scorrimento. L'uomo era ricercato dal maggio 2015, quando era riuscito a sfuggire a un ordine di carcerazione emesso dalla Procura Generale di Napoli per associazione di tipo mafioso: deve espiare un residuo pena di 4 anni e 3 mesi di reclusione.