Palermo: gettò figlia nel cassonetto, incapace
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.

Abbiamo 639 visitatori e nessun utente online

Annunci - il Centro Tirreno
home-1-ads-pct

Palermo: gettò figlia nel cassonetto, incapace

Italia
Typography

La corte d'assise di Palermo ha dichiarato il difetto di imputabilità perché non capace di intendere e volere per Valentina Pilato, la mamma che gettò la figlia appena nata nel cassonetto il 24 novembre 2014.

 

La donna, difesa dagli avvocati Enrico Tignini e Dario Falsone, adesso è libera anche se in cura psichiatrica. Il pm Maurizio Bonaccorso aveva chiesto per lei la condanna a 21 anni e 2 mesi per omicidio.