BARI, messa per boss: vescovo, grave scandalo
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.

Abbiamo 622 visitatori e nessun utente online

Annunci - il Centro Tirreno
home-1-ads-pct

BARI, messa per boss: vescovo, grave scandalo

Italia
Typography

Diocesi, no a rito pubblico o 'provvedimenti disciplinari'

BARI, messa per boss: vescovo, grave scandalo
BARI, messa per boss: vescovo, grave scandalo

 

26 DIC - L' arcivescovo di Bari-Bitonto, Francesco Cacucci, ha evidenziato in una lettera indirizzata a don Michele Delle Foglie, parroco di Grumo Appula (Bari) che aveva invitato i fedeli a partecipare a una messa in suffragio di un boss ucciso in Canada, "il grave scandalo" suscitato dall'iniziativa, "presa peraltro in modo arbitrario - scrive - e senza consultare l'Ordinario Diocesano". Al sacerdote è stato vietato, anche in ottemperanza di una disposizione della Questura che autorizza solo una cerimonia privata domattina all'alba, di celebrare il rito pubblico alle 18.30, salvo "provvedimenti disciplinari". Il vescovo afferma nella lettera di essere stato informato dell'iniziativa di celebrare una S. Messa in suffragio del presunto pregiudicato defunto Rocco Sollecito dal prefetto di Bari. E conferma il divieto, aggiungendo ai motivi di ordine pubblico addotti dalla Questura la necessità di "tutelare la dignità della Sacra Celebrazione Eucaristica".