METEO, il gelo non molla, dopo una breve tregua altri dieci giorni di freddo e neve
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.

Abbiamo 800 visitatori e nessun utente online

Annunci - il Centro Tirreno
home-1-ads-pct
Annunci AdSense
article-top

Il gelo non molla, dopo una breve tregua altri dieci giorni di freddo e neve

Italia
Typography

Una serie di perturbazioni in arrivo dal Nord Europa

METEO, il gelo non molla, dopo una breve tregua altri dieci giorni di freddo e neve
METEO, il gelo non molla, dopo una breve tregua altri dieci giorni di freddo e neve

 

Una breve tregua domani con un rialzo delle temperature, poi di nuovo freddo e neve per 10 giorni: è lo scenario meteorologico per l'Italia a seguito di una serie di perturbazioni in arrivo dal Nord Europa. 'L'Italia resterà nel mirino di fredde correnti artiche per diversi giorni, con nuove ondate di maltempo. Ripetuti vortici freddi porteranno maltempo soprattutto sul Centro-Sud.

Temperature sotto zero, raffiche di vento violente e forti nevicate: è un'Italia al limite della resistenza quella che cerca a fatica di far fronte a un'ondata di freddo intenso che si sta protraendo ormai da giorni. Il tutto nonostante le previsioni indichino, già a partire da domani, un lieve innalzamento delle temperature, con la colonnina di mercurio che dovrebbe rialzarsi anche se di pochissimi gradi. Il segno meno ha riguardato un pò tutto lo Stivale, con medie stagionali abbassate di molto, addirittura con un -24 gradi registrato in Veneto.

Fiocchi di neve un pò ovunque, anche ad Anacapri, dove gli abitanti questa mattina si sono trovati di fronte uno scenario quasi alpino. A fronte del drastico abbassamento delle temperature il governo, nella persona del ministro dell'Agricoltura Maurizio Martina, starebbe valutando l'ipotesi di dichiarare lo stato di calamità, anche per i gravi riflessi che la gelata sta riversando su allevatori e agricoltori, per i quali la Coldiretti ha calcolato un danno di circa 14 miliardi di euro.