GENOVA, Migranti recuperano antico vigneto
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.

Abbiamo 181 visitatori e nessun utente online

Annunci - il Centro Tirreno
home-1-ads-pct
Annunci AdSense
article-top

GENOVA, Migranti recuperano antico vigneto

Italia
Typography

E' quello di Coronata a Genova, producono la 'Bianchetta'

 

GENOVA, Migranti recuperano antico vigneto
GENOVA, Migranti recuperano antico vigneto

 

GENOVA, 14 GEN - Giovani immigrati e richiedenti asilo che lavorano per il recupero di una antica tradizione enologica genovese come quella del bianco di Coronata, la 'Bianchetta': accade su iniziativa della diocesi attraverso la fondazione Migrantes. "Nell'ambito del nostro progetto di recupero delle valli genovesi, abbiamo a disposizione alcuni terreni dati in concessione dall'Ospedale Galliera, nei quali, i nostri ragazzi lavorano da tempo, prima per la ripulitura e poi per il ripristino degli antichi vigneti. Contiamo di avere le prime bottiglie il prossimo anno, il passo successivo, sarà la richiesta delle certificazioni DOP e IGP", spiega monsignor Giacomo Martino, responsabile della Fondazione Migrantes. "Questi ragazzi - ha spiegato - nascono quasi tutti contadini. Grazie ai nostri progetti di borsa lavoro, togliamo questi giovani dalla strada, insegniamo loro l'italiano e diamo le necessarie conoscenze di agronomia per poter continuare un giorno a lavorare da soli".