PALERMO, clochard bruciato: l'assassino confessa
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.

Abbiamo 190 visitatori e nessun utente online

Annunci - il Centro Tirreno
home-1-ads-pct

PALERMO, clochard bruciato: l'assassino confessa

Italia
Typography

E' un benzinaio che avrebbe agito per motivi passionali

PALERMO, clochard bruciato: l'assassino confessa
PALERMO, clochard bruciato: l'assassino confessa

PALERMO, 11 MAR - Ha confessato l'assassino di Marcello Cimino, il clochard bruciato vivo la notte scorsa a Palermo. Si tratta di Giuseppe Pecoraro, un benzinaio di 45 anni. Secondo indiscrezioni l'uomo, fermato dalla polizia dopo un interrogatorio con l'accusa di omicidio volontario, avrebbe agito per motivi passionali. Pecoraro si era da poco separato dalla moglie e sospettava che quest'ultima avesse una storia con il clochard. "Pensava che Cimino gli insidiasse la moglie - ha spiegato il capo della squadra Mobile Rodolfo Ruperti -. Tra i due c'era stata una lite qualche giorno prima, nella piazza vicina alla Missione San Francesco". Di fronte alle contestazioni degli investigatori, che gli chiedevano in particolare l'origine di alcune ustioni sul corpo, Pecoraro inizialmente ha tentato di giustificarsi dicendo di essersi bruciato "con la macchinetta del caffè". Ma dopo qualche ora è crollato e ha confessato: "E' vero sono stato io".