TORINO, smascherati 180 falsi poveri
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.

Abbiamo 175 visitatori e nessun utente online

Annunci - il Centro Tirreno
home-1-ads-pct
Annunci AdSense
article-top

TORINO, smascherati 180 falsi poveri

Italia
Typography

Recuperati oltre 550mila euro contributi indebitamente percepiti

TORINO, smascherati 180 falsi poveri
TORINO, smascherati 180 falsi poveri

TORINO, 8 MAG - Si laureano senza pagare le tasse universitarie, utilizzano gratis gli alloggi Atc, hanno sconti sulle bollette di luce acqua e gas, non pagano le mense scolastiche. Ammontano ad oltre 550mila euro i contributi percepiti indebitamente da 180 'furbetti' benestanti, qualcuno addirittura facoltoso, che la guardia di finanza di Torino ha fatto restituire alle casse dello Stato. Comportamenti fraudolenti, sottolineano le fiamme gialle, che danneggiano non solo l'Ente che eroga il contributo, ma tutti i cittadini che vedono aumentare i costi dei servizi pubblici. Due i casi emblematici scoperti dalle fiamme gialle: uno studente di Informatica non ha pagato le tasse universitarie perché nel calcolare il reddito familiare ha 'dimenticato' immobili per un valore di circa 220mila euro e conti correnti per 700mila euro. Un altro, studente di giurisprudenza, ha tentato di dimostrare di essere autonomo rispetto alla propria famiglia, benché fosse a carico dei genitori con un reddito di circa 190mila euro l'anno.