PALERMO, Mafia: boss ucciso da 2 killer
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.

Abbiamo 232 visitatori e nessun utente online

Annunci - il Centro Tirreno
home-1-ads-pct
Annunci AdSense
article-top

PALERMO, , Mafia: boss ucciso da 2 killer

Italia
Typography

Scarcerato 3 anni fa era nel mirino avversari interni a cosca

PALERMO, Mafia: boss ucciso da 2 killer
PALERMO, Mafia: boss ucciso da 2 killer

PALERMO, 22 MAG - Giuseppe Dainotti, 67 anni, capomafia scarcerato nel 2014, è stato ucciso a colpi di pistola, in strada, a Palermo. Sarebbe stato affiancato da due killer, forse in moto, che gli avrebbero sparato in testa. La vittima era in bici, in via D'Ossuna. "Ho sentito due colpi d'arma da fuoco. Erano le 7.50. Mi sembravano fuochi d'artificio. Mi sono affacciata e ho visto un uomo a terra che perdeva sangue dalla testa. Non c'era nessuno", dice una donna tunisina che abita in via D'Ossuna. A pochi mesi dalla sua scarcerazione, avvenuta nel 2014 per espiazione pena, Dainotti era nel mirino dei suoi nemici interni a Cosa nostra. Il fermo di chi lo aveva condannato a morte scongiurò il suo omicidio. Dal carcere, il boss Giovanni Di Giacomo, con cui Dainotti gestiva negli anni '90 traffici di droga, aveva dato l'ordine al fratello Giuseppe Di Giacomo, ucciso a marzo 2014, di eliminare alcuni mafiosi che si stavano organizzando per assumere il comando del mandamento. Tra le vittime designate anche Dainotti.