AMANTEA: ''la Calabria che vuoi'' chiede all'esecutivo piu' trasparenza e responsabilita' ''Mutui bocciati città rovinata''
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.

Abbiamo 199 visitatori e nessun utente online

Annunci - il Centro Tirreno
home-1-ads-pct

''la Calabria che vuoi'' chiede all'esecutivo piu' trasparenza e responsabilita' ''Mutui bocciati città rovinata''

Cosenza e Provincia
Typography

 ''Nessuno conosce ancora lo stato di indebitamento del nostro comune, è grave'' 

AMANTEA. Da qualche giorno si sta vociferando in città della possibile bocciatura da parte della Cassa depositi e prestiti dei mutui chiesti dall'esecutivo Sabatino per alcune opere pubbliche. Dal palazzo comunale la notizia è stata confermata a metà, nel senso che qualcuno ha riferito che ci sono stati dei problemi legati al lungo e complesso iter burocratico delle pratiche ma che si sta facendo di tutto per risolverli.

Robert Aloisio
                                        Robert Aloisio

 

La bocciatura, dunque, non è stata ancora confermata. L'amministrazione comunale, infatti, spera di riuscire a scongiurarla, è una corsa contro il tempo. fatto sta che c'è chi, ad Amantea, non vuole stare inerme dalla finestra a guardaree, per questo, chiede conto e ragione alla maggioranza in carica.

"Da giorni - scrive il socio fondatore de "la Calabria che vuoi", Robert Aloisio - si sta discutendo sul web, sui social e sulla stampa dell'ipotesi di rigetto dei mutui da parte della Cassa depositi e prestiti, per la realizzazione di importanti opere pubbliche. E' vergognoso, se non addirittura scandaloso, a mio modesto parere, che dette notizie debbano essere apprese da terzi e non direttamente da un'amministrazione comunale che aveva fatto della trasparenza e della legalità il proprio cavallo di battaglia. Principi che, purtroppo, vanno a cozzare un po troppo con quanto si sta verificando da mesi in seno all'Ente locale.

Nessuno ad oggi (consiglieri di minoranza inclusi) - incalza Aloisio - conosce lo stato di indebitamento del nostro Comune. Un fatto grave perchè, se da una parte è vero che la gestione della cosa pubblica deve riguardare esclusivamente i politici eletti dal popolo, dall'altra le ripercussioni di una cattiva gestione vanno a gravare su tutti noi. Ecco perchè è doveroso a questo punto, da parte dell'esecutivo Sabatino tenere un incontro pubblico per informare la cittadinanza dell'andamento dell'Ente locale. Questo clima di incertezza, ulteriormente aggravato dall'assenza di chi dovrebbe tutelare in seno all'Assise gli utenti, sta generando molta tensione sul territorio. Urgono delle risposte, anche perchè se dovesse risultare veritiera la bocciatura dei mutui, sarei curioso di sapere cosa intende fare l'amministrazione comunale per garantire le opere pubbliche alla nostra città".

Un'ultima considerazione da parte di Aloisio prima di conclude:

"Forse i nostri namministratori hanno esagerato un pò troppo con le anticipazioni di cassa e con le richieste di mutuo - già il fatto che dovremmo pagare debiti fino al 2044 la dice lunga - ma chi dovrà sedersi nei banchi della magioranza al termine della candidatura della Sabatino è giusto che venga messo al corrente della pesante eredità che gli verrà lasciata. L'opinione pubblica ha il diritto di sapere per poi poter giudicare".

Rita Cancelli (La Provincia di Cosenza)