Cosenza: operazione Ros-Cc contro clan Muto
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.

Abbiamo 659 visitatori e nessun utente online

Annunci - il Centro Tirreno
home-1-ads-pct
Annunci AdSense
article-top

Cosenza: operazione Ros-Cc contro clan Muto

Cosenza e Provincia
Typography

I Carabinieri del Ros e del Comando provinciale di Cosenza hanno eseguito, nelle province di Cosenza e Salerno e in altre località, un'ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa su richiesta della Dda di Catanzaro, nei confronti di 58 persone accusate, tra l'altro, di associazione mafiosa, traffico di stupefacenti, estorsione e rapina.

 

Al centro delle indagini del Ros una delle più pericolose e violente cosche della 'ndrangheta, con a capo Francesco Muto, di Cetraro, detto il "Re del pesce", che, secondo gli investigatori, ha monopolizzato per oltre 30 anni le risorse economiche del territorio. Parallelamente le indagini dei carabinieri del Comando provinciale hanno documentato un traffico di stupefacenti che, sotto il controllo del clan Muto, inondava di cocaina, hascisc e marijuana le principali località balneari della costa tirrenica. Nel corso dell'operazione sono stati sequestrati beni per circa 7 milioni di euro.