San Giovanni in Fiore (Cosenza): rischio crollo costone montagna per cava
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.

Abbiamo 154 visitatori e nessun utente online

Annunci - il Centro Tirreno
home-1-ads-pct

San Giovanni in Fiore (Cosenza): rischio crollo costone montagna per cava

Cosenza e Provincia
Typography

Una cava abusiva la cui realizzazione provoca il rischio di crollo di un costone di montagna, è stata scoperta e sequestrata dai carabinieri del Nucleo patrimonio culturale di Cosenza, in collaborazione con quelli di San Giovanni in Fiore, sulle sponde del fiume Arvo, in località Ponente.

 

Il provvedimento è stato emesso dal gip Giuseppa Ferrucci su richiesta della Procura di Cosenza, alla luce del pericolo di crollo. Le indagini sono iniziate dopo un esposto di Legambiente che aveva segnalato la gravità della situazione, e sono state dirette dal pm Maria Francesca Cerchiara, sotto il coordinamento del procuratore aggiunto Marisa Manzini e la direzione del procuratore Mario Spagnuolo. Il proprietario del terreno, un imprenditore di 78 anni di San Giovanni in Fiore è stato denunciato per realizzazione e gestione di una cava abusiva in zona sottoposta a vincolo paesaggistico, e per il crollo parziale del costone dove è stata realizzata e della conseguente situazione di pericolo.