Cosenza: operazione Cc, 9 arresti
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.

Abbiamo 560 visitatori e nessun utente online

Annunci - il Centro Tirreno
home-1-ads-pct
Annunci AdSense
article-top

Cosenza: operazione Cc, 9 arresti

Cosenza e Provincia
Typography

C'è anche Cosimo Donato, di 38 anni, ritenuto l'omicida del piccolo Cocò Campolongo, il bambino di tre anni ucciso e bruciato in auto il 16 gennaio del 2014, a Cassano allo Ionio, insieme al nonno Giuseppe Iannicelli e alla compagna marocchina di questi Ibtissam Touss, tra le persone indagate nell'inchiesta della Procura della Repubblica di Castrovillari che ha portato all'arresto di nove persone per associazione per delinquere ed altri reati da parte dei carabinieri del Comando provinciale di Cosenza.

 

 

Donato, per il quale di recente è stato chiesto il rinvio a giudizio per l'omicidio di Cocò, è già detenuto. Nell'inchiesta, coordinata dal Procuratore di Castrovillari, Eugenio Facciolla, é coinvolta anche la moglie di Cosimo Donato, che avrebbe fatto da tramite tra il marito detenuto e gli altri componenti dell'organizzazione criminale. Contestata l'associazione a delinquere finalizzata alla commissione di vari reati.