Catanzaro: distratti fondi, arresti a Calabria Verde
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
Annunci AdSense
home-1-ads-pct-tda-002

Abbiamo 1093 visitatori e nessun utente online

Annunci - il Centro Tirreno
home-1-ads-pct
Annunci AdSense
article-top

Catanzaro: distratti fondi, arresti a Calabria Verde

Catanzaro e Provincia
Typography

Circa 80 milioni di euro di fondi Por stanziati per la messa in sicurezza del territorio calabrese sarebbero stati distratti e utilizzati per il pagamento degli stipendi degli operai forestali.

 

 

E' quanto emerge dall'inchiesta condotta dalla Procura della Repubblica di Catanzaro su Calabria Verde, ente strumentale della Regione che ha accorpato l'ex Afor e le ex Comunità montane, che stamani ha portato a 3 arresti. I finanzieri del Comando provinciale di Catanzaro hanno arrestato l'ex direttore generale Paolo Furgiuele, il dirigente Alfredo Allevato e il dirigente dell'economato Marco Mellace (domiciliari). Per l'ex dirigente Antonio Errigo è stata disposta l'interdizione dai pubblici uffici e per l'agronomo Gennarino Magnone l'obbligo di dimora. Sono accusati, a vario titolo, di abuso d'ufficio, peculato, falso ideologico e minacce a pubblici ufficiali. A Furgiuele è contestato anche di aver utilizzato operai e forniture dell'azienda per ristrutturare la sua abitazione di Amantea.

Annunci AdSense
sidebar-ads-pct-tda-003
Annunci AdSense
sidebar-ads-pct-tda-003
Annunci AdSense
sidebar-ads-pct-tda-003
Annunci AdSense
sidebar-ads-pct-tda-003
Annunci AdSense
sidebar-ads-pct-tda-003
Annunci AdSense
sidebar-ads-pct-tda-003