Bari: inchiesta Fse, sequestro beni per 3,8 mln
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.

Abbiamo 200 visitatori e nessun utente online

Annunci - il Centro Tirreno
home-1-ads-pct

Bari: inchiesta Fse, sequestro beni per 3,8 mln

Italia
Typography

I finanzieri del Nucleo di Polizia tributaria di Bari hanno sequestrato due polizze vita e un conto corrente, per un ammontare di circa 3,8 milioni di euro, all'ex amministratore unico di Ferrovie Sud Est Luigi Fiorillo, indagato per peculato, abuso d'ufficio e truffa, nell'ambito dell'inchiesta della Procura di Bari relativa a consulenze d'oro e sprechi nella gestione della società.

 

Il sequestro è stato disposto dalla Procura della Repubblica con un provvedimento d'urgenza. La società di trasporto pubblico, di proprietà del ministero dei Trasporti e Infrastrutture, è in stato di commissariamento. Le indagini, dirette dal pm Isabella Ginefra, hanno permesso di appurare "come l'ex amministratore della società abbia tentato, attraverso un'operazione di smobilizzo parziale, di 'monetizzare' delle polizze vita, per portarne il controvalore su un conto corrente di recente accensione". L'operazione è stata scoperta dall'Uif (Unità informazione finanziaria) di Bankitalia che l'ha denunciata.